LA IPO-R questa sconosciuta.

Ecco un articolo di Erika Castello, unità cinofila brevettata ENCI nel quale spiega la IPO-R. Per chi volesse conoscere meglio questa disciplina, può iscriversi al nostro evento del 23/09/2018 presso CENTRO SPORTIVO CINOFILO BIELLESE – via Canton Bonda, 1 – 13874 GIFFLENGA (Biella).

Le iscrizioni dovranno pervenire tramite bonifico bancario entro e non oltre il 20/09/2018. x informazioni chiamare o scrivere a CRISTINA al 329.33.69.650 anche tramite whatsapp.

"I requisiti fondamentali x essere pronti ad affrontare missioni operative a servizio della comunitá consistono nella crescita e nella preparazione del binomio uomo-cane. Tale rapporto deve essere infatti costruito e basato sulla fiducia reciproca e sul rispetto.
Il conduttore inoltre,in sede di esame deve avere una conoscenza appropriata di determinate materie quali:

*Manovre di Primo Soccorso,

*Capacità di Comunicazione attraverso le radio,

*Conoscenza approfondita di GPS e cartografia.

Tutti i tipi e razze di cani possono partecipare alle Prove di Soccorso sul campo ma devono avere raggiunto l'età minima di 14mesi.

Il conduttore invece deve aver compiuto i 18anni.

L'esame di abilitazione OPERATIVO viene effettuato mediante il Regolamento ENCI, e ogni esame viene condotto attraverso un Giudice ENCI il quale ha il compito di valutare:

*il grado di preparazione del binomio uomo-cane,

*Incapacità del cane al lavoro,

*Cane non sotto controllo,

*Limitazioni fisiche del binomio.

Il giudice ha inoltre l'obbligo di squalificare qualsiasi cane che mostri aggressivitá , comportamenti antisportivi da parte del conduttore e atteggiamenti di maltrattamenti al cane.
Prima di poter accedere all'esame operativo l'unità di soccorso deve sottoporsi a delle prove attitudinali specifiche x il settore d'impiego.

Suddette prove prendono il nome di:

*IPO Rh -FL E x Ricerca in superficie,

*IPO Rh-T E x Ricerca su macerie.

Entrambe le prove sono suddivise attraverso dei criteri di valutazione identificati mediante l'assegnazione di punteggi.

Entrambe le prove sono suddivise in due sessioni:

*Obbedienza e destrezza: il binomio deve effettuare diversi tipi di esercizi quali condotta con e senza guinzaglio, ed esecuzione di esercizi quali passaggio nel tunnel, trasporto ,passaggio su asse rigida, salti a ostacoli ect.

*Ricerca in superfice: in un area di 100mq il cane entro un tempo massimo di 10 min deve ritrovare un disperso.

*Per le macerie invece viene effettuata una simulazione di un crollo di un edificio in un'area compresa tra 400mq e 600 mq.

Se il punteggio finale delle rispettive sessioni è pari a Buono allora l'unità cinofila può effettuare l'esame Operativo con una simulazione di dispersi diversa(si parla in tal caso di ritrovare circa dai 2 ai 3 dispersi in una zona di ricerca molto piú ampia e con caratteristiche che si avvicinano molto alla realtà.

L'esame finale è solo l'inizio di un lungo percorso poiché il raggiungimento di un brevetto non significa aver concluso un percorso ma bensí si deve avere la piena consapevolezza delle proprie capacità fisiche e mentali in quanto lo scopo principale è quello di trovare persone che in qualche modo hanno subito un evento traumatico.”

Erika Castello

Unità cinofila


Aggiungo io, come ex unità cinofila, che fare questo lavoro, non significa solo fare volontariato ma anche crescere insieme al proprio cane creando un legame profondo e unico nel suo genere.

Cristina Balconi